ACCISE – RATEIZZAZIONE DEL DEBITO

ACCISE – RATEIZZAZIONE DEL DEBITO

soggetto legittimato a richiederla: depositario autorizzato titolare del deposito fiscale

In data 30 maggio 2020 l’Ag. Dogane ha pubblicato Determinazione n. 163202/RU e Circolare 11/2020 definendo i criteri e le modalità procedurali per dare attuazione alla rateizzazione del debito d’accisa ex art.3, c.4-bis, D.Lgs. n. 504/95, come modificato dall’art. 162 DL n.34 del 19 maggio 2020.

L’unico soggetto legittimato a richiedere la rateizzazione del debito d’accisa è il depositario autorizzato titolare del deposito fiscale, sia esso di prodotti energetici che di alcole e bevande alcoliche, dal quale i prodotti sono estratti ed immessi in consumo.

Per poter richiedere la rateizzazione è necessaria la sussistenza di condizioni oggettive e temporanee di difficoltà economica ovvero deve ricorrere una situazione transitoria di squilibrio finanziario determinata da fattori contingenti. Il piano di rateizzazione autorizzabile deve esaurirsi nel medesimo anno solare di avvio dello stesso e la scadenza della rata mensile finale non può superare quella prevista per il versamento dell’accisa sui prodotti immessi in consumo nel mese di novembre dello stesso anno (16 dicembre).

La circolare detta le istruzioni procedurali per richiedere il provvedimento autorizzativo ripartendo la competenza tra Uffici territoriali e Direzione centrale in ragione di un criterio di riparto basato sul valore dell’importo dell’accisa da pagare. Nell’ipotesi di esercente titolare di più depositi fiscali dislocati sul territorio nazionale che si trovi a dovere presentare istanza contestualmente per distinti debiti d’accisa, l’istanza è presentata alla Direzione centrale per il tramite dell’Ufficio delle dogane rispettivamente competente per territorio. Particolare rilievo assume la relazione aggiornata sulla situazione economica e finanziaria dell’impresa, della quale viene precisato il contenuto obbligatorio, che l’esercente è tenuto ad allegare all’istanza di rateizzazione.

 

Info sull'autore

Michele administrator

Per pubblicare un commento, devi accedere